Giove con lo scettro del comando (ora mancante) e l’aquila

Giove con lo scettro del comando (ora mancante) e l'aquila ai suoi piedi e la saetta tra gli artigli è uno delle dodici divinità dell'Olimpo raffigurate con i loro tradizionali e riconoscibili attributi. La scultura in marmo è opera di Pietro Galli, uno degli artisti della scena artistica romana ottocentesca e fidato allievo di Thorvaldsen, custode dello studio romano del maestro dopo la sua partenza per Copenaghen. A Galli fu affidata la realizzazione di Giove e di Apollo, che il conte Hawaks Le Grice nelle sue "passeggiate" attraverso gli studi degli scultori romani ricordava come "two beautiful statues (...) intended to embellish the palace of Prince Torlonia".
-
Hammer and Sickle di Andy Warhol compare in una serie di serigrafie dipinte e incisioni di varie dimensioni e tipologie, risalenti agli anni 1976-1977 ed esposte per la prima volta in Europa nel 1977 nella parigina Galerie Daniel Templon. Secondo l'assistente Bob Colacello, l'artista pensò di realizzare questo soggetto nel 1975, proprio durante un soggiorno in Italia, incoraggiato dalla buona accoglienza tributata dai critici italiani di sinistra ai suoi ultimi lavori, e impressionato dalla quantità di slogan e simboli comunisti che ricoprivano i muri delle città italiane in quei tempi di vivace fermento politico.
-
Le opere sono esposte in Time is Out of Joint nel settore 04.
[Pietro Galli, Giove (dettaglio), 1838; Andy Warhol, Hammer and Sickle (dettaglio), 1977]
Photo by @oh_medusa

Giove con lo scettro del comando (ora mancante) e l’aquila ai suoi piedi e la saetta tra gli artigli è uno delle dodici divinità dell’Olimpo raffigurate con i loro tradizionali e riconoscibili attributi. La scultura in marmo è opera di Pietro Galli, uno degli artisti della scena artistica romana ottocentesca e fidato allievo di Thorvaldsen, custode dello studio romano del maestro dopo la sua partenza per Copenaghen. A Galli fu affidata la realizzazione di Giove e di Apollo, che il conte Hawaks Le Grice nelle sue “passeggiate” attraverso gli studi degli scultori romani ricordava come “two beautiful statues (…) intended to embellish the palace of Prince Torlonia”.

Hammer and Sickle di Andy Warhol compare in una serie di serigrafie dipinte e incisioni di varie dimensioni e tipologie, risalenti agli anni 1976-1977 ed esposte per la prima volta in Europa nel 1977 nella parigina Galerie Daniel Templon. Secondo l’assistente Bob Colacello, l’artista pensò di realizzare questo soggetto nel 1975, proprio durante un soggiorno in Italia, incoraggiato dalla buona accoglienza tributata dai critici italiani di sinistra ai suoi ultimi lavori, e impressionato dalla quantità di slogan e simboli comunisti che ricoprivano i muri delle città italiane in quei tempi di vivace fermento politico.

Le opere sono esposte in Time is Out of Joint nel settore 04.
#lagallerianazionale #museitaliani #timeisoutofjoint #pietrogalli #sculpture #classicism #painting #popart #arte #art #contemporaryart #modernart #museum #roma #rome #romeandyou #igers #igersroma
[Pietro Galli, Giove (dettaglio), 1838; Andy Warhol, Hammer and Sickle (dettaglio), 1977]
Photo by @oh_medusa

Leave a Reply